125incontri: madmax nel Salento!

Articolo scritto dal nostro Socio Felice che ha la fortuna di vivere in un luogo meraviglioso e di percorrerlo con le sue bellissime 125 anni 80 e 90.

Dopo quattro lunghi anni di promesse e speranze finalmente il nostro amico Massimo ha trovato il tempo di trascorrere due giorni mio ospite nel Salento. Sono stati giorni intensi trascorsi ovviamente a bordo delle mie moto che hanno finalmente goduto sgranchendosi le ruote lungo le litoranee Salentine.

Massimo arriva Sabato mattina di buon ora e subito abbiamo raggiunto il mio garage per questa full immertion Salentina a base di belle 125, cibo fantastico, e location da sogno. L’amico Chris, sempre presente per queste “zingarate” in pieno stile Amici Miei, ci raggiunge al mio garage.

salento!

La prima giornata la dedichiamo ad una passeggiata lungo il litorale Salentino, partenza da Lecce con prima tappa Porto Cesareo e di li a proseguire verso Gallipoli, Leuca, arrivando poi sul mare Adriatico con Santa Cesarea terme e Otranto.

Scegliamo per affrontare gli oltre 200 KM che ci attendono moto anni 80, certamente meno performanti delle anni 90, ma più adatte ad un uso turistico di medio/lungo raggio.

Nella fattispecie adopereremo:

Gilera MX1 1988, conservata in tutte le sue parti con 4000 KM da nuova.
Cagiva Freccia C12 1989, conservata in tutte le sue parti con 6000 KM da nuova.
Cagiva freccia C9 1987, restaurata.

Scegliamo Otranto come sosta pranzo in un fantastico ristorante tipico e successiva passeggiata nel centro storico ammirando una terra ricca di storia bagnata da un mare cristallino.

Eccoci a Porto Cesareo per la colazione.
Eccoci a Porto Cesareo per la colazione.
Le nostre 125 stradali in bella mostra davanti sul lungomare. Sono sempre ammiratissime da tutti!
Le nostre 125 stradali in bella mostra davanti sul lungomare. Sono sempre ammiratissime da tutti!
Santa Caterina,torre di Porto selvaggio.
Santa Caterina,torre di Porto selvaggio.
Eccoci a Gallipoli.
Eccoci a Gallipoli.
Eccoci ad Otranto
Eccoci ad Otranto
Il porto di Otranto.
Il porto di Otranto.
Pasta fatta in casa... maccherone, m'hai provocato e io ti distruggo adesso... io me te magno!
Pasta fatta in casa… maccherone, m’hai provocato e io ti distruggo adesso… io me te magno!

Domenica arriviamo a Lecce di buon ora,stavolta solo io e Massimo, e a bordo delle C12R e C10R decidiamo di precorrere tutta la costa Jonica sino a Taranto ammirando un paesaggio totalmente differente da quello gustatoci il giorno prima.

Questo tratto di costa è di una bellezza impressionante, la costa è bassa e la strada è disegnata su di una spiaggia, perciò alla nostra destra abbiamo le dune di sabbia e alla nostra sinistra il mare.

La giornata è splendida,caldissima, quasi 35 gradi, sembra Agosto, infatti dopo la visita a Taranto decidiamo di tornare indietro e approfittare della grande calura e del mare piatto per fare un bagno in uno dei tanti lidi che si affacciano sulla costa.

Eccoci a Taranto
Eccoci a Taranto
La bellissima Taranto, che non significa solo acciaierie...
La bellissima Taranto, che non significa solo acciaierie…
Il ponte girevole ed il porto Militare orgoglio della nostra Marina.
Il ponte girevole ed il porto Militare orgoglio della nostra Marina.
Due bellezze al bagno.
Due bellezze al bagno.

Dopo un bagno e un riposino stesi su di un comodo lettino ci rimettiamo in marcia con meta Gallipoli e le sue splendide spiagge, oramai la voglia di mare e sole regna sovrana.

Ci aspettano circa 90 KM da percorrere, ma ne varrà la pena.

Eccoci arrivati in spiaggia,scegliamo il famoso lido "punta della suina".
Eccoci arrivati in spiaggia,scegliamo il famoso lido “punta della suina”.
Posto di una bellezza mozzafiato.
Posto di una bellezza mozzafiato.
Arriva il tramonto...
Arriva il tramonto…
Ed eccoci a casa, con la promessa che Massimo ritornerà a trovarci!
Ed eccoci a casa, con la promessa che Massimo ritornerà a trovarci!
Written By
More from J

Trofeo Gilera 1988

Il Trofeo Gilera 1988 vede impegnata la KZ in versione Endurance. Per...
Read More